Lancio per il nuovo anno: We are Family decolla come agenzia per i giovani e le famiglie

Il nuovo anno porta molti cambiamenti. Dopo la fondazione della rete globale "We are Family" l'anno scorso, il gruppo Full Moon è stato riposizionato e, tra le altre cose, l'agenzia Full Moon Kids & Teens è diventata We are Family. Qual è lo sfondo?


Rebecca Duden:

Il motivo della creazione della rete We are Family è stato soprattutto il desiderio di internazionalizzazione. Nei nostri scambi con agenzie specializzate di altri paesi, ci siamo resi conto che hanno esigenze simili alle nostre: Fino ad ora, potevamo servire solo i clienti che erano attivi a livello internazionale bene per il nostro mercato, ma volevamo farlo in tutti i paesi. Ci mancava una rete adeguata per questo e l'idea ci piaceva così tanto che ne abbiamo semplicemente fondata una noi stessi. 

Nel mercato DACH, abbiamo sentito la necessità di svilupparci ulteriormente nel nome di Full Moon Kids & Teens. Storicamente, veniamo dal campo della comunicazione dal vivo, per cui siamo stati percepiti per molto tempo come una pura agenzia dal vivo per bambini. Nel frattempo, abbiamo ampliato significativamente il nostro gruppo target e il nostro portafoglio. Quando guardiamo i nostri progetti e clienti negli ultimi cinque anni, ci muoviamo attraverso l'intero gruppo target giovane e ci rivolgiamo anche solitamente ai pubblici associati come i genitori, i donatori, gli educatori e i formatori. Definiamo il giovane gruppo target in relazione alla sfera d'influenza dei genitori. Ci consideriamo sempre responsabili quando il giovane è ancora sotto l'influenza della sua famiglia. Di conseguenza, per noi, la fine non è fino agli studenti. Abbiamo anche clienti per i quali è importante rivolgersi alla famiglia nella rete. Sappiamo come muoverci in questi gruppi target e ci sentiamo a nostro agio qui. Il marchio Full Moon Kids &Teens non era più adatto perché limitava il nostro prodotto e il nostro target. 

Quindi volevamo cambiare e poiché eravamo già gli iniziatori della rete We are Family, abbiamo avuto l'idea di fondare We are Family come nostra agenzia per la regione di lingua tedesca. Ci vediamo come un'agenzia olistica per la comunicazione con il giovane gruppo target e nel rivolgersi alle famiglie. Abbiamo un alto livello di scambio a livello di concetto, nella realizzazione e per quanto riguarda le singole aree di prodotto, in modo da poter presentare ai nostri clienti il miglior concetto possibile. Nel fare ciò, possiamo pensare prima di tutto in modo completamente distaccato dalla realizzazione e attraverso tutti i canali. Dalla Full Moon Kids & Teens, ma anche con l'inserimento di nuove competenze, abbiamo messo insieme un team interdisciplinare che può offrire soluzioni su misura per il cliente in modo agile e pensando da tutte le aree specialistiche. Attraverso Full Moon, che naturalmente rimane il nostro partner preferito, possiamo accedere rapidamente e direttamente alle risorse disponibili qui in picchi o discipline speciali. Il nostro collaudato principio "una faccia per il cliente" continuerà ad essere uno dei principi fondamentali del We are Family nel nostro lavoro con i clienti. Con noi, i nostri clienti ottengono un'agenzia specializzata che è in grado di sviluppare concetti cross-mediali, offrirli da un'unica fonte e non più solo per il mercato DACH, ma anche a livello internazionale, se desiderato.

Abbiamo anche sviluppato il nostro corporate design sulla base del nostro team interdisciplinare, la gamma diversificata di clienti e il nostro ampio portafoglio. Siamo colorati - senza essere infantili - e manteniamo un po' di casa e il riferimento a Full Moon attraverso il simbolo del cerchio.

Cosa distingue la comunicazione con i giovani e le famiglie?


Rebecca Duden: Il nostro approccio è lo stesso di quello di qualsiasi altra agenzia - analizziamo il marchio, il gruppo target e la concorrenza per i nostri clienti e facciamo raccomandazioni di azione sulla base di questo. Abbiamo circa 20 anni di esperienza nella comunicazione con il gruppo target giovane e le famiglie e ci muoviamo costantemente nelle aree tematiche rilevanti per il gruppo target come i giocattoli, l'intrattenimento, la salute e il tempo libero.

Oltre all'esperienza che tutto questo porta, abbiamo i nostri studi e lavoriamo direttamente con il nostro gruppo target nei nostri concetti. Quindi siamo molto aggiornati nella conoscenza delle tendenze e dobbiamo esserlo. Perché il nostro gruppo target cambia molto rapidamente nel suo comportamento ed è esigente riguardo alla comunicazione che gli si rivolge. Raccogliamo sempre i nostri clienti dove sono. Per esempio, abbiamo clienti ai quali dobbiamo prima conoscere il gruppo target in modo molto elementare. Qui di solito si tratta di spiegare che non esiste "il bambino" o "il giovane". Anche qui ci raggruppiamo in sottogruppi e archetipi. Ma abbiamo anche risposte per i clienti che sono esperti nel gruppo target. Qui non dobbiamo spiegare molto in termini di gruppo target - ma siamo richiesti quando si tratta della soluzione giusta e della nostra conoscenza delle tendenze attuali. Le domande abituali che ci vengono poste sono: Cosa spinge la famiglia di oggi? Come posso aumentare il mio raggio d'azione o le vendite dei miei prodotti per il giovane gruppo target? Come posso comunicare argomenti rilevanti dal punto di vista educativo in modo sostenibile? Come posso ottenere più apprendisti o studenti? Queste sono domande alle quali abbiamo delle risposte. Le nostre risposte includono anche installazioni digitali e interattive VR/AR nell'area live, TikTok come canale di social media quasi obbligatorio, o mamma-papà e bambini influencer nelle PR. E ci sono soluzioni intelligenti per tutti i budget.

Specialmente con il gruppo target dei bambini e dei giovani, il marketing deve essere visto anche da una prospettiva orientata ai valori. Come agenzia, avete bisogno di una bussola morale per affrontare il gruppo target dei giovani?


Rebecca Duden: Abbiamo deliberatamente escluso prodotti e quindi clienti che come agenzia non possiamo sostenere. Fondamentalmente, la comunicazione rivolta al target giovane deve essere fatta con più sensibilità. Perciò guardiamo attentamente a che tipo di prodotti il cliente si avvicina a noi e che valore aggiunto hanno. I clienti sanno anche che non inviamo messaggi non etici, perché la nostra immagine comporta questo. Per questo abbiamo una clientela molto specifica, nella quale ci sentiamo anche a nostro agio e a casa. Siamo sempre su un terreno legalmente sicuro e facciamo attenzione a non inviare messaggi non etici o sessisti al target giovane.

La famiglia di oggi è molto più eterogenea e diversificata che in passato. Questo fa una differenza in termini di approccio al marketing?


Rebecca Duden: Con tutti i mezzi! Anche qui, consigliamo ai nostri clienti di essere più audaci. Soprattutto nella comunicazione digitale, la diversificazione e l'eterogeneità delle famiglie esistenti possono essere affrontate facilmente e bene. Perché non apparire consapevolmente con due madri o due padri? Dove e a che punto vale la pena di rivolgersi a madri e/o padri single? Abbiamo dialoghi aperti con i clienti progressisti su questo, perché è semplicemente un argomento importante. Non tutte le famiglie si sentono incluse nell'indirizzo 0815, e questo deve risuonare in questo contesto.

Qual è il beneficio del cliente dalla rete internazionale e perché non basta più guardare solo al proprio paese, ma bisogna tenere gli occhi aperti a livello globale?


Rebecca Duden: Ci sono due tipi di clienti che lavorano con noi. Uno vuole realizzare progetti nel mercato di lingua tedesca, e per lui è importante soprattutto che noi siamo massimamente creativi e al top nella realizzazione. Per lui, abbiamo ancora un valore aggiunto con la rete We are Family, vale a dire che abbiamo una visione d'insieme delle misure di marketing internazionali e quindi anche tenere d'occhio i mercati che sono più avanzati del nostro, per esempio per quanto riguarda l'app TikTok. Abbiamo anche un'agenzia negli Stati Uniti specializzata in realtà virtuale, perché fa solo comunicazione per i giovani. E prima non avevamo le ricerche di mercato nel nostro portafoglio, ma con Maurice di Londra e la sua agenzia, ora possiamo implementarle. Le nostre agenzie partner offrono altri formati e altre misure e possiamo consultarci con loro su questo. Questo ci dà un vero aumento di conoscenza che ci permette di lavorare in modo più cross-mediale. Attraverso casi internazionali in una gamma diversa, impariamo molto per il nostro mercato e offriamo al cliente prospettive completamente nuove. E poi ci sono i clienti che viaggiano a livello internazionale e che finora hanno lavorato con noi solo nel mercato DACH. Per loro, con l'aiuto della rete, possiamo gestire campagne in tutti i paesi, a livello europeo o globale, ma hanno solo una persona di contatto e la garanzia che un'idea centrale può essere trasferita - ma adattata secondo le condizioni culturali e legali del mercato. Quindi c'è un valore aggiunto per entrambi i tipi di clienti e noi come team possiamo offrire un lavoro più qualificato e più creativo.

Quanta influenza pensi che abbia la pandemia di Corona sulle misure di marketing, anche in relazione agli eventi?


Rebecca Duden: Al momento, ci sono meno eventi classici o campagne POS, ma più eventi digitali e ibridi che soddisfano i requisiti. Per uno dei nostri clienti dell'industria dei giocattoli, stiamo attualmente facendo girare una banda di misure che iniziano e finiscono in modo digitale, ma permettono ancora alle famiglie un'esperienza dal vivo e un'interazione con il prodotto. Le misure sono cambiate, ed è importante che il cliente senta i cambiamenti e li segua. Questo non significa confezionare tutto solo digitalmente, perché il contenuto deve ancora essere vissuto, soprattutto per il target giovane, e qui soprattutto per i bambini e i giovani - secondo noi, anche questo è possibile. C'è bisogno di più creatività e raccomando sempre ai clienti di non darci istruzioni alla cieca su misure puramente digitali - ma di darci un margine di manovra. Il nostro gruppo target è affamato di offerte dal vivo - dobbiamo rispondere a questo con misure ben progettate e conformi a Corona.

La persona:

Rebecca Duden è Managing Director dell'Agenzia di comunicazione per giovani e famiglie We are Family, lanciata nel gennaio 2021. Dopo il suo periodo attivo come giocatrice di basket, allenatrice e coordinatrice giovanile, la madre 37enne ha lavorato come Managing Director per Full Moon Kids & Teens e Full Moon Activation.

Il vostro contatto
Parliamo

Borja López-Niclós

State cercando i migliori specialisti di comunicazione per bambini, adolescenti, giovani adulti o famiglie?

Chiamateci!